Certe manie. Quelle si che ritornano.

 

Era di lunedì . Un classico e insopportabile lunedì .

Suona la sveglia . Squilla il telefono . Il tempo per fare colazione non c’è . Doccia al volo e su a lavoro.

In ufficio la situazione non è certo migliorata ; la segretaria sembra aver avuto un weekend poco sobrio ed invece di rendermi il lavoro più agevole me lo complica . Sono cosi costretto a farmi carico di tutti gli appuntamenti , almeno di quelli che riesco , mentre lei con fare poco felice risponde alle mail in giacenza .

Dopo tre ore no stop decido di prendermi una pausa . Lo carenza di carboidrati mattutini inizia a bussare con forza tra le pareti del mio cranio . Un tè al mirtillo rosso era proprio quello di cui avevo bisogno ; rilasso i nervi e sfoglio (digitalmente sia chiaro !!!) le notizie principali che il web mi offre.

“E’ strano” ,penso tra me e me . Era difficile da spiegare ciò che provassi  . Improvvisamente ogni notizia letta chiedeva di essere commentata. Ero in disaccordo su tutto e con tutti . Volevo esprimere la mia ; far sapere al mondo cosa realmente pensassi . Una sensazione già provata .

E se ci penso . Quella sensazione l’ho provata già .

Fu la sensazione che mi ha catapultato nel giornalismo , la stessa sensazione  che voleva migliorare il posto in cui vivo spronando la gente ad essere migliore e che ora  chiedeva una nuova sfida . Scrivere su tutto quello che mi passa per la testa.Su tutto quello che leggo , vedo e sento . Anche quello che sogno merita di essere esternato . Insomma ho la necessità di dire la mia.

Per questo ora ho bisogno di uno spazio mio . Non di un social network ; non ho bisogno che la gente legga per forza quello che scrivo . Voglio uno spazio libero ! Dove chi è interessato ,se vuole , può leggere e capire quello che penso ; e se il caso lo richiede aggiungo anche un bel tasto . Il VAFFA! Almeno chi è in disaccordo con quello scrivo , può dirlo chiaramente ,senza giri di parole.

Tanto come dicono dalle mie parti io nun me piglio collera.

 

About the author

Vincenzo Lo Cascio

View all posts

Rispondi